Doppia penetrazione: cos’è e consigli su come praticarla

0
doppia-penetrazione-consigli

Doppia penetrazione: cos’è e consigli su come praticarla, nel post a cura di Le Pornodive

Maneggiare con cura ed evitare gli eccessi, ove possibile e praticabile. Un avvertimento valido anche in tema sessuale, a maggior ragione. Il sesso è quell’atto che unisce due persone attratte l’una dalla fisicità dell’altro. Esistono varie forme in cui praticarlo e tra queste la doppia penetrazione è una vera e propria forma di sesso per pochi, nel senso che non è praticata da tutti. Una sorta di perversione a cui si può arrivare dopo aver visionato un certo stile pornografico. Eppure sembra che non ci siano solo rischi a farlo, ma anche diversi benefici.

Per alcuni è un vero e proprio tabù, per altri invece rappresenta la trasgressione e ciò che non può essere detto ad alta voce. Ma analizziamo tutto il quadro completo di questa pratica che, a quanto pare, tanti fanno ma nessuno dice. 

In questo post a cura di Le Pornodive, vediamo insieme consigli utili per praticare in sicurezza la doppia penetrazione, per la nostra categoria dedicata ai consigli sul sesso. Bentornati sul nostro portale!

Benefici e rischi doppia penetrazione: come farla al meglio

La doppia penetrazione, così come intuibile dalla definizione, implica che la donna subisca allo stesso tempo e nello stesso momento una penetrazione anale e una vaginale. Naturalmente certi attori e certe attrici porno sono abituati a questo tipo di attività, ma se la si vuole praticare a livello amatoriale bisogna starci ben attenti.

L’importante del lubrificante nella doppia penetrazione

Il lubrificante, da questo punto di vista, diviene pressoché determinante, soprattutto sul piano anale. Quella parte lì del corpo deve essere particolarmente pulita e tirata a lucido, onde evitare di incorrere in spiacevoli e sgradite sorprese, sia da una parte che dall’altra. Va bene anche semplicemente un gel in grado di ottemperare a questa funzione.

Un errore comune riguardante la doppia penetrazione

Spesso si incorre in un errore: pensare che la doppia penetrazione conduca automaticamente ad un aumento dell’orgasmo. Ma non è affatto così. I due fattori non vanno di pari passo. Può succedere, ma non è scontato. In particolare è molto più difficile arrivare all’orgasmo di tipo anale, ma, se stimolati nel punto giusto, può dare persino più soddisfazione del classico orgasmo da punto G.

Va benissimo sperimentare nuove esperienze e forme di sessualità alternative, sia a livello fisico che mentale, ma è altrettanto giusto mettere in atto un’opera di prevenzione particolarmente adeguata.

Nella doppia penetrazione la pulizia acquisisce un ruolo ancora più importante

La piena consapevolezza su opportunità e precauzioni è il primo passo da compiere per dar vita ad una doppia penetrazione. La pulizia è l’aspetto da cui non si può prescindere, soprattutto in riferimento all’ano, che è la parte più sensibile da questo punto di vista.

L’uso del preservativo deve essere la norma, onde evitare la contrazione di infezioni che sono sempre dietro l’angolo, in questi casi. La prudenza, quindi, non è mai troppa. La conoscenza dei due partner con cui ci si va a “relazionare” fa la sua parte e può determinare un aumento del piacere, anche a livello intellettivo.

Come fare la doppia penetrazione se non c’è un terzo partner?

In assenza di un terzo partner vero e proprio, la scelta di un dildo si rivela un’alternativa più che valida, ma come tutti gli oggetti di questo tipo va testato sul campo. Una buona pratica, da questo punto di vista, riguarda la stimolazione servendosi delle proprie dita. È un modo molto efficace per testare questo valore aggiunto e capire se può fare al caso della persona coinvolta o meno.

I vari livelli della doppia penetrazione

La doppia penetrazione può essere intesa a più livelli, a seconda dei sex toys di cui si vuole disporre. Le varie combinazioni permettono di aumentare le varietà di piacere sia per l’uomo che per la donna. In certi casi, i ruoli si ribaltano e può essere anche la donna stessa a voler penetrare l’uomo con l’ausilio di dildo. Questo è lasciato all’interpretazione e alla fantasia dei soggetti.

Il piacere di guardare la propria donna nella doppia penetrazione

A volte si crea, soprattutto nell’uomo, la fantasia di voler guardare la propria donna essere penetrata nello stesso momento, ad esempio, da due dildo. Un piacere vouyeristico che non è così inusuale da ritrovare. Anche in questo modo si può godere e garantire, magari, alla donna una prevenzione in più rispetto a potenziali malattie veneree.

Alcuni di questi oggetti sono talmente realistici da far provare realmente alla donna la sensazione di avere a che fare con un membro vero e proprio. Dipende tutto dall’elasticità e dalla durezza del materiale. Ognuno si adatta alle esigenze più disparate. 

La stimolazione e l’eccitazione vengono raggiunti più facilmente se si crea una personalizzazione sempre più specifica di certi atti. La parola chiave è solo una: sperimentare. Ma senza esagerare per mantenere quell’equilibrio di coppia necessario per un buon funzionamento, anche a letto. Mischiare i ruoli può essere un buon compromesso, ma non deve essere la regola consuetudinaria. Perché, poi, come spesso succede, l’abitudine può far morire i rapporti di coppia.

Articolo precedenteEliza Ibarra, storia della pornodiva di origine messicana
Articolo successivoViaggi per rimorchiare: dove e come farlo